Una settimana di colori e profumi di fiori nel paese giardino di Lagundo a soli due chilometri dalla città di Merano. Dal 25.04. - 29.04.2018 in occasione del Mercato dei fiori, la piazza della chiesa ospita una ricca esposizione di piante mediterranee, antichi alberi da frutta, elementi d’arredo per il giardino e prodotti derivati dai fiori come erbe aromatiche, oli essenziali e cosmetici. Appuntamento ideale per raccogliere idee e fantasie e creare in casa la naturale atmosfera di primavera.

Per la quarta edizione del Mercato dei fiori a Lagundo, protagoniste d’eccellenza sono le piante mediterranee che in questa città altoatesina hanno un clima particolarmente favorevole, soleggiato grazie alle Alpi le cui vette alte oltre 3.000 m fanno da scudo protettivo contro il gelo proveniente dal nord. Aperto invece verso sud, il sole e le temperature miti regnano in questo territorio. Gialli narcisi, arbusti di ginestra, piante di lavanda, cisti bianchi e rosa, oleandri, ulivi, limoni, arance e orchidee. Sono solo alcune delle piante che danno testimonianza della particolare attenzione della città al verde e alla cura della natura circostante. Ampio spazio è dedicato agli alberi da frutta antichi: peschi, mandorli, peri, ciliegi, susini e meli che derivano dalla preservazione e innesto di vecchie piante sopravvissute ai cambiamenti climatici e di coltivazione. L’obiettivo è gustare oggi sapori antichi e dimenticati, frutti coltivati senza l’uso di additivi chimici, in armonia con l’ambiente e l’ecosistema.

erlebnis-1-unsplash-stefan-steinbauer

Il Mercato dei fiori propone ogni dettaglio utile a realizzare a casa propria un giardino perfetto con le piante più adatte, gli elementi d’arredo moderni e di tendenza, ornamenti e vasi di tutti i tipi e grandezze. Sono esposte le piante aromatiche utilizzate in cucina e una sezione è dedicata agli oli essenziali e cosmetici derivati dai fiori per la bellezza e la cura del corpo. Immancabili, i prodotti tipici locali come i fiori e le bacche essiccate per profumati infusi e il miele.