Ogni giorno un nuovo vantaggio!

La tessera vantaggi Alto Adige GuestPass Lagundo è inclusa nel prezzo del vostro soggiorno se prenotate in una delle strutture aderenti. Vale 365 giorni e offre tra l’altro:
l’uso gratuito dei mezzi pubblici in Alto Adige
sconti esclusivi per attività sportive e attrazioni
l’ingresso gratuito in oltre 90 musei
l’accesso gratis ad impianti a fune selezionati
Tutti i vantaggi

Conviene prenotare qui!

Prenotazioni veloci e sicure
Tutti gli alloggi a colpo d’occhio
Garanzia miglior prezzo
Supporto gratuito
Avete domande o vi serve un aiuto per prenotare? Siamo qui per voi!

Cerca & prenota un alloggio

 
 
Adulti
 
Bambini
 
Età bambino 5
 
Età bambino 4
 
Età bambino 3
 
Età bambino 2
 
Età bambino 1
 
Tutti tipi
 
 

Cigot / Tschigat (3.000 m) da Velloi

Durata: 6,37 h
Lunghezza: 17,22 km
Difficoltà: Media
Difficoltà: Difficile
Dislivello salita: 1655 hm
Dislivello discesa: 1655 hm
Punto più alto: 2990 m
L'impressionante Tschigat, a quasi 3.000 m, è una delle 350 cime di tremila metri dell'Alto Adige.
Descrizione generale

Al Cigot (ted. Tschigat oppure Tschigot) mancano solo 2 metri per raggiungere i 3.000 metri d’altezza, anche se diverse fonti sostengono che li raggiunga. La cima del Monte Cigot, appartenente al Gruppo di Tessa, è una meta escursionistica molto conosciuta e frequentata, e un amato punto panoramico. La parte sud del Cigot arriva fino a Parcines e Lagundo, mentre nella parte nord est, troverete i famosi Laghi di Sopranes, al di sopra della Val Sopranes.

Descrizione cammino

Vellau/Velloi (900 m) – Rifugio Leiter (1522 m) – Meraner Höhenweg – Nuovo ponte (Spannbandbrücke) sul Töllgraben - Hochganghaus/Rif. Casa del Valico (1839 m) – sentiero n.7 – Hochgangscharte/Il Valico (2441 m) – sentiero n.7 – Milchsee / Lago di Latte – sponda NW del lago (senza sentiero) – pietraia – raccordo con il sent. 7A (prima evitato a causa della neve) – canale E (Kamin) – Tschigat / Cigot, vetta (3000 m) – ritorno per la stessa via.

Da Merano si passa a Lagundo – Algund e Plars di Mezzo-Mittelplars (464 m), per salire in seggiovia o in macchina a Velloi – Vellau (906 m) e di là in cabinovia alla malga Leiteralm (1522 m). Il buon sentiero 24 traversa al rifugio del Valico-Hochgang (1839 m, ore 1.30 dalla malga). Sul sentiero 7 si arranca sul ripido pendio ed in alto su roccia (con passaggio esposto, ma dotato di catene fisse) per giungere sul valico Hochgang (2455 m; ore 1.30 dal rifugio). Al bivio si resta a sinistra sul 7, scendendo ai laghetti Milchseen (2540 m), ove si svolta a sinistra per seguire le macchie di colore lungo il laghetto maggiore, e poi procedere in ripida salita fra massi fino alle rocce (2800 m circa). Si attacca il canalone sulla sinistra e poi si arrampica al centro, superando passaggi di 1° e 2° grado non difficili, per giungere alla forcella, e conquistare in breve la cima lungo la cresta est. Se la parte superiore del colatoio è impraticabile (per neve o ghiaccio), si devia a sinistra sulla dorsale sud, seguendo tracce ed ometti di pietre, e scalando i macigni fino alla croce (3000 m, ore 3.30 dal rifugio). Si torna sulla via dell’andata.

Variante di ritorno sulla via nord:
Seguendo le macchie di colore scendere brevemente verso est; poi svoltare decisamente a sinistra e, traversando sul ripido versante nord, portarsi alla sommità di un diedro assai scosceso. Ivi calarsi per 20 metri lungo le catene fisse (assicurare con corda i meno esperti!); poi con facile arrampicata salire per 30 metri ad una forcelletta, donde si segue un sentierino esposto sul fianco ovest. Quindi si scende senza più problemi lungo la cresta granitica nord-ovest, fino al valico Halsljoch (2808 m, 45 minuti dalla vetta). Proseguendo verso est (indicazione «Biwakschachtel ») si arriva su sentiero e poi su detriti e blocchi (o neve) alla forcella Milchseescharte (2707 m, bivacco; un’ora dal valico). Ci si cala lungo le rocce con l’aiuto di catene e poi su sentiero a zigzag fino ai laghetti, ove si riprende in senso inverso il percorso dell’andata fino alla cabinovia (ore 3 almeno dal bivacco).

Descrizione d'arrivo
Attraverso la valle dell'Adige fino ad Lagundo e poi a Velloi.
Dove parcheggiare

- Comune a Lagundo
- Parcheggio stazione seggovia Lagundo-Velloi
- Parcheggio sentiero dell'acqua a Lagundo e coll'autobus fino a Velloi
 

Mezzi pubblici

Autobus 235 fino a Velloi oppure coll'autobus 213 fino alla stazione della seggovia Lagundo.

Consigli per la sicurezza
Questo escursione è adatto solo a escursionisti che non soffrono di vertigini e hanno un passo sicuro.
Tschigat
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.